Mudec: 5 buoni motivi per conoscere l’Africa e il suo fascino a Milano

pubblicato da admin il 27 marzo 2015 in arte e design

Amici di Milano,

è stato inaugurato solo ieri e già fa parlare di sé: ci stiamo riferendo al Mudec, il Museo delle Culture, situato negli spazi dell’ex Ansaldo, in via Tortona.

Polemiche a parte, noi vi forniamo 5 buoni motivi per far visita al Mudec:

1. 17.000 metri quadrati, un cortile interno, un piano dedicato a bookshop, caffetteria, didattica, biblioteca, mediateca e una grande scala al centro che conduce agli spazi espositivi e all’auditorium. Cosa desiderare di più? Ci si muove in libertà in uno spazio leggero, multimediale e ricco di cultura.

2. la ricerca e la divulgazione dell’arte proveniente da tutti i continenti è l’obiettivo del Mudec: questa mission si concretizza nella programmazione espositiva, negli eventi collaterali e nei laboratori creativi e multimediali.

3. la mostra Africa - La terra degli Spiriti è un omaggio all’arte africana o, meglio, al particolare punto di vista con cui l’Occidente ha osservato e ammirato le opere africane. Al Mudec ne sono esposte oltre 270: maschere, figure rituali e magiche, feticci e oggetti di potere fino a una selezione di utensili e accessori di design.

4. MONDI A MILANO. Culture ed esposizioni, 1874 - 1940 è l’altra mostra del Mudec: qui viene esplorato il modo in cui la città di Milano ha accolto e raccontato le diverse culture non europee in occasione dei suoi più rilevanti eventi espositivi. Si parte dalle mostre di arti industriali nella seconda metà dell’Ottocento sulla stregua delle internazionali Esposizioni Universali per arrivare alla loro riformulazione nelle Biennali e Triennali degli anni Venti e Trenta del Novecento. Oggetti e manufatti, dipinti, grafiche, stampe popolari, manifesti, fotografie per scoprire la visione che Milano ha avuto del mondo.

5. Il Mudec  vuole essere un polo in costante dialogo con le comunità internazionali presenti a Milano: un vero e proprio punto di incontro tra modi diversi di vivere l’arte, la raffigurazione e la cultura. Sono previsti laboratori creativi nei diversi linguaggi dell’arte (musica, arte visiva, performance) e aperti al pubblico. Per conoscere e conoscersi.

Per maggiori info:
http://www.mudec.it/