Itinerari

Visitare il centro storico di Napoli permette di rivivere secoli e secoli di storia: il primo nucleo della città è infatti parte della Lista dei Beni dell’umanità UNESCO dal 1995.
Vai all'itinerario
Luogo ideale per passeggiare, fare sport e respirare area di mare, via Caracciolo può essere percorsa in bicicletta per godere del mite clima partenopeo e ammirare alcuni dei monumenti più noti di Napoli.
Vai all'itinerario
Le Gallerie d’Italia - Piazza Scala costituiscono un complesso di gallerie milanesi dove trovano posto importanti palazzi, simboli della storia stessa di Milano.
Vai all'itinerario
Firenze, capoluogo della Toscana, è un museo a cielo aperto. Basiliche, fontane, monumenti, chiese, palazzi, opere d’arte, statue: passeggiare per le vie della città significa respirare un’atmosfera unica, che fa rivivere la magnificenza dell’architettura del Rinascimento.
Vai all'itinerario
giorno per giorno   1°giorno Arrivo a Como Aperitivo e cena all’Hotel Tremezzo Pernottamento in hotel   2°giorno Colazione in hotel Giro in barca privata sul Lago di Como Visita giardino botanico di Villa Carlotta Visita del Parco di Villa Erba Pranzo al ristorante Belvedere Pernottamento in hotel   3°giorno Colazione in hotel Trasferimento privato per Milano Rientro a Como e partenza   aperitivo e pernottamento al Grand Hotel Tremezzo Agli inizi del Novecento Enea Gandola, dopo aver viaggiato per l’Europa, sceglie di costruire a Bellagio un hotel capace di racchiudere...
Vai all'itinerario
Le Gallerie d’Italia - Piazza Scala costituiscono un complesso di gallerie milanesi dove trovano posto importanti palazzi, simboli della storia stessa di Milano.
Vai all'itinerario
Firenze, da sempre nota per le attività industriali e artigiane, per gli scambi commerciali e culturali, per la vita artistica e scientifica, conserva un eccezionale patrimonio culturale a testimonianza della sua secolare civiltà.
Vai all'itinerario
In Sardegna i vigneti sono parte integrante del paesaggio. La particolare conformazione territoriale fa sì che la viticoltura raggiunga, le pianure più fertili vicino al mare sino all’alta collina e alle zone più interne. Vini equilibrati e dalla forte personalità, espressione del territorio.
Vai all'itinerario
Firenze, con i suoi vicoli, le sue chiese imponenti, i musei e i palazzi storici, le botteghe e laboratori artistici, è una galleria a cielo aperto ricca di tesori nascosti tra i quali è piacevole perdersi. Il cuore della città è nel suo centro storico, di qua d'Arno.
Vai all'itinerario
Roma è la città con la più alta concentrazione di beni storici e architettonici al mondo e, dal 1980, il suo centro storico è inserito nella lista dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO. L'itinerario vi condurrà alla scoperta della sua storia e delle sue eccellenze artigiane.
Vai all'itinerario
In piazza Carlo III, il Real Albergo dei Poveri è il più importante palazzo monumentale di Napoli e, con i suoi centomila metri quadrati, una facciata lunga 354 metri, nove chilometri di corridoi, 430 stanze distribuite su quattro livelli, è uno degli edifici più imponenti d'Europa, ora patrimonio Unesco.
Vai all'itinerario
Con nove milioni di piante, l'Abruzzo è la quinta regione produttrice di olio in Italia. La produzione si concentra nella provincia di Chieti. Le caratteristiche dipendono dalle cultivar da cui nasce, dal metodo di raccolta e di lavorazione, dal sistema di estrazione e dal clima.
Vai all'itinerario
La nostra gita alla scoperta del panorama gastronomico bolognese inizia dai vicoli dietro palazzo dei Banchi, dove le vie mantengono ancora i nomi degli antichi mestieri che lì si svolgevano. Qui, da Bistrot18 potete gustare un cappuccino montato a regola d'arte.
Vai all'itinerario
È anche grazie alle nuove realtà che popolano il suo tessuto urbano che Milano si è trasformata in una capitale del design mondiale. Un'attitudine che ha il suo massimo momento di espressione durante il Salone del Mobile, quando la città si trasforma per accogliere le novità del design.
Vai all'itinerario
Montescaglioso è situato nell'area archeologica, storica e naturale del Parco delle Chiese rupestri del Materano, su un rilievo collinare delimitato dal fiume Bradano e dal torrente Gravina. Qui si evidenzia la biodiversità di un paesaggio che passa dalla murgia calcarea ai calanchi argillosi. Le origini della città sono antiche.
Vai all'itinerario
Furono i greci a chiamare questa terra con il nome di Oinotròi (Enotria), il cui nome rimanda immediatamente al vino. La produzione è limitata a poche zone dedicate: il terreno è principalmente collinare e montuoso, poco consistente e fertile, e la pianura si ritaglia solo l'8% del territorio.
Vai all'itinerario
Il prosciutto di San Daniele si ottiene dalla stagionatura di cosce fresche di suini italiani, ma non tutti i suini italiani possono diventare prosciutto di San Daniele. I maiali devono provenire dagli allevamenti di dieci regioni del centro e nord Italia, dove devono essere nati.
Vai all'itinerario
Conosciuto fin dall'antichità, il tartufo è un frutto della terra di cui si hanno testimonianze già dal 1700-1600 a.C. Tecnicamente si tratta di un fungo che cresce sottoterra, a forma di tubero, con una parte carnosa (gleba) rivestita da una corteccia (peridio).
Vai all'itinerario
I vini altoatesini sono caratterizzati dalle spiccate note fruttate: i frutti di bosco del Lagrein, il sentore di rose del Gewürztraminer, il sambuco del Sauvignon. Vini di carattere, frutto della conoscenza del territorio, fiera espressione della zona di produzione.
Vai all'itinerario
La lenticchia di Castelluccio di Norcia è un legume IGP dalle caratteristiche uniche, prodotto di punta della nostra gastronomia, ricercato da enoteche, ristoranti e negozi specializzati. Coltivata biologicamente, le sue dimensioni sono molto ridotte, la buccia è molto sottile.
Vai all'itinerario
La nostra passeggiata parte dalla stazione di Santa Lucia e prosegue verso Cannaregio. La prima tappa e a due passi da qui, Campo San Geremia, la piazza dove anticamente si svolgeva la corrida. Qui si affacciano il secentesco Palazzo Labia, oggi sede della RAI locale, e l'antica chiesa di San Geremia.
Vai all'itinerario